lunedì 3 agosto 2015

Flying Vaginas - Beware Of Long Delayed Youth (Recensione)

I Flying Vaginas sono una Banana Consunta (chitarra, voce, piano), un Kiwi Deluso (basso, voce) e un' Ananas Irritata  (batteria, synth) provenienti da Morolo, (Frosinone). Ci avevano lasciati con un album davvero interessante un anno fa e sono ritornati in prima linea con Beware Of Long Delayed Youth di nuovo per MiaCameretta Records.
Il disco si apre a colpi lenti e ritmati di percussione e atmosfere trasognate evocate da una splendida voce femminile con Hollow Skin. Segue Coherence Riot,  un evidente ironico scrollo a tutti coloro che preferiscono talking to kids and snobbing the crowd e che inevitabilmente (purtroppo) are still there: probabilmente il pezzo più dream di tutto l'album. Sonic Tiger è un evidente tributo ai Sonic Youth, da cui la voce maschile (alternata a quella femminile) e le chitarre allucinate e storte prendono spunto. Dopo la tempesta, appare la quiete con le meraviglie di  Woodland Croon e Interlude: We Walk, che emergono come un sensibile colpo di scena: l'una una dolce e sognante canzone d'amore, l'altra una brevissima ballad che ha il sapore di una ninna nanna. Blessed Child è un colpo di fulmine punk suonato da una chitarra distorta quasi perenne, accompagnata da batteria e basso minimali, che si risolve in un assolo dissonante e irruento (che non guasta mai). Patched Up (video qui sotto) ha le sonorità di un Jay Retard sotto Xanax. È la botta tristona del disco che più si avvicina ai primissimi Smashing Pumpkins e sicuramente la best track. L'album si chiude con gli 8.13 minuti di Beware Of Long Delayed Youth, una traccia senza fretta, in cui malinconia e litania la fanno da padrone. Così come questa traccia non ha fretta, lo stesso accade all'album: tutto è estremamente dilatato o compresso a seconda dell'occasione, ma senza spingere troppo, senza eccessi. Gli intrecci di voce e le atmosfere da sogno sono la parte più forte del gruppo, che porta a casa un disco all'altezza del primo, ma senza esagerare. Le grafiche del disco sono davvero particolari e riconoscibili. Che aspettate? Andate da subito ad ascoltare il disco (qui) oppure compratelo, che è sempre molto bello rendere meno povere le etichette così valorose.

Voto: ◆◆◆
Label: MiaCameretta Records




1 comments:

Andrea C. ha detto...

Concordo. Veramente un bell'album.

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ